Miradas Compartidas 2019 (L’Avana)

Visuali Italiane 2019 (Tokyo)
23 Giugno 2019
Two journeys, One story
Michiko Chiyoda
9 Settembre 2019
 

8 - 30 novembre 2019
Centro Hispanoamericano di Cultura
L'Avana

non c'è due senza tre

ANCORA UNA VOLTA A L'AVANA

 

Confermando una tradizione che si ripete ormai da tre anni, anche per il 2019 il Fondo Malerba per la Fotografia ha programmato una mostra a L'Avana intitolata Miradas Compartidas. Quella di quest'anno, però, è un'occasione più unica che rara, perché si svolgerà in concomitanza con i festeggiamenti per i 500 anni della fondazione della città.
Dall' 8 al 30 novembre l'evento sarà ospitato nelle sale dello storico Centro Hispanoamericano di Cultura, uno spazio istituzionale tra i più accreditati che propone al pubblico mostre fotografiche di grande rilevanza.
Per la prima volta saranno coinvolti insieme artisti italiani e cubani, 15 per ogni nazione, e i loro lavori esposti in quella che rappresenta una delle più prestigiose manifestazioni organizzate, all’estero, dal Fondo Malerba, in quanto coinvolgerà le più importanti Istituzioni Cubane.
La mostra sarà curata dalla ormai collaudata coppia di fotografi Mino Di Vita (Italia) e Alain Cabrera (Cuba) e sarà inserita nel calendario del “Noviembre Fotografico Cubano” organizzato dalla Fototeca di L’Avana, oltre che nella “Semana della Cultura Italiana a Cuba” organizzata dall' Ambasciata Italiana a L’Avana.

 
dopo una severa selezione

QUESTI GLI ITALIANI IN MOSTRA

 

Un'accurata e attenta selezione ha impegnato la commissione interna al Fondo Malerba e i due curatori che di comune accordo hanno individuato i progetti più significativi tra le innumerevoli proposte ricevute. La rosa dei 15 autori italiani che verranno presentati a L'Avana é composta da:
Martino Borgogni, Antonella Bucci, Angela Di Finizio, Carlo di Giacomo, Cesare Di Liborio, Carlo D'Orta, Patrizia Dottori, Luigi Franco Malizia, Franco Martelli Rossi, Matteo Mezzadri, Luca Monaco, Enrico Pezzoli, Antonella Pizzamiglio, Danilo Susi e Massimo Zampetti.

a tutti loro dal Fondo Malerba

CONGRATULAZIONI